Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Venerabili > Venerabile Maria Dolores (Dolores Márquez Romero de Onoro) Condividi su Facebook Twitter

Venerabile Maria Dolores (Dolores Márquez Romero de Onoro) Fondatrice

.

Siviglia, Spagna, 23 dicembre 1817 – Siviglia, Spagna, 31 luglio 1904


Dolores Márquez Romero de Onoro nacque il 23 dicembre 1817 da Alonso Márquez e Catalina Romero de Onoro. Era la primogenita di altri quattro fratelli. Ricevette il sacramento del battesimo otto giorni dopo la nascita.
Durante la sua infanzia visse la separazione dal padre, Alonso Márquez Lechuga, giudice liberale e costituzionalista esiliato in Portogallo in una delle molteplici guerre tra Carlisti ed elisabettiani.
Aveva solo dodici anni quando morì sua madre. Dolores da quel momento dovette occuparsi del padre, dei suoi fratelli e degli altri familiari che vivevano con loro.
Quando nel 1845 morì anche suo padre, a causa di una lunga malattia che determinò il prosciugamento delle risorse economiche della famiglia, decide di realizzare il suo desiderio di rinunciare al mondo.
Morto Alonso, le quattro figlie si recarono a Costantina, dove andarono a vivere con viveva la famiglia materna.
La sorella più piccola morì all'età di vent'anni e Dolores rimase al
fianco degli zii, ormai anziani, prendendosi cura di loro fino alla fine della loro vita.
Durante questo periodo, che abbraccia quasi vent'anni della sua vita, praticò la carità e la pazienza, condividendo la sua vita familiare collaborando alla Scuola dell'Addolorata.
A quarantasei anni aveva preso la decisione di volersi ritirare in un monastero di clausura tra le carmelitane scalze di Siviglia.

Una sua amica della sua infanzia, Josefa Blanco, catechista di una Congregazione di laici fondata dal giovane sacerdote Francisco García Tejero, per diffondere il catechismo in tutte le parrocchie di Siviglia, le presentò il prete dell’oratorio di San Filippo Neri.
Il sacerdote aveva il progetto di aiutare le giovani prostitute, che una volta pentite, chiedevano aiuto per vivere degnamente la loro vita.
Padre Tejero invitò Dolores nella casa da lui fondata il 22 luglio 1859, per accogliere e formare i giovani che volevano abbandonare la prostituzione perché aveva bisogno di un’anima generosa che lo assecondasse nel suo progetto e condividesse i suoi progetti apostolici.
Dolores, docile al disegno di Dio il 2 febbraio 1860 decise di dedicarsi definitivamente nell’opera di padre Tejero.
Tra mille difficoltà nacque una nuova realtà religiosa che venne approvata a livello diocesano.
Il 10 febbraio 1871 vestì il nuovo abito religioso, assunse il nome di suor Maria Dolores e con altre sette compagne, sotto la protezione della Vergine Addolorata fondarono la congregazione delle Religiose di San Filippo Neri, Figlie di Maria SS. Addolorata.
Nel 1871 ottenne dalla Regina Elisabetta II l'approvazione civile della Congregazione e una casa, nella quale non risiedevano.
Per questo ha viaggiato in diverse occasioni a Madrid e La Granja. Incontrò la Regina e una moltitudine di personaggi della nobiltà e della politica, conquistando l'affetto di molti di loro.
Per quasi vent'anni ha governato la congregazione che in quel periodo si diffuse in altre città andaluse: Jerez de la Frontera, Cordova, con due case, Antequera, Málaga e, infine, nel 1892, a Cadice.
Madre Maria Dolores resse la piccola congregazione fino al 1866, quando dopo l’elezione della nuova madre generale venne completamente emarginata e non ebbe più alcun ufficio.
Quando madre Salud Rubio y Sedor venne eletta superiora della congregazione, cominciarono degli anni difficili per madre Dolores. Venne inviata a Málaga, e quando lo seppe il vescovo di Siviglia, nel 1890, ordinò che fosse riportata nella casa madre della Congregazione, poiché "una fondatrice può essere solo nella Casa Madre".
Da quel momento poche persone ebbero rapporti con madre Dolores in quanto c’era un brutto clima nella congregazione.
Solo il Beato Marcelo Spínola, dopo aver atteso a lungo il permesso di vederla, scoprì le condizioni in cui si trovava.
Madre Maria Dolore accettò la nuova condizione, con umiltà, soffrendo, pregando, confidando in maniera assoluta nella divina provvidenza.
I suoi ultimi anni li visse nel silenzio, dimenticata da tutti.
Il 31 luglio 1904, madre Maria Dolores morì a Siviglia.

Il processo di beatificazione
Dopo la sua morte molte persone che la ritenevano una grande e santa monaca, indussero la diocesi di Siviglia ad aprire il processo per la sua beatificazione.
Dopo il nulla osta del 25 marzo 1982, il 23 giugno 1983 è stato aperto il processo diocesano che si concluse il 14 ottobre 1984.
Il decreto di validità del processo diocesano venne emesso il 7 giugno 1985 e la Positio è stata pubblicata nel 1992.
Il processo di beatificazione proseguì con la sessione dei consultori storici del 7 ottobre 1997, quella dei consultori teologi del 18 febbraio 2005 e la sessione ordinaria dei cardinali e vescovi del 7 giugno 2005.
Dopo l’approvazione delle virtù eroiche, il 28 aprile 2006, papa Benedetto XVI ha dichiarato venerabile madre Maria Dolores.
 


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2022-09-01

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità